La gastronomia di Verona

Facebooktwittergoogle_plus

8019291141_df6cbdfcc1_zLa tradizione gastronomica veronese è particolarmente ricca tanto che, già in epoca passata, il patriziato locale aveva raggiunto una gloriosa fama per l’ospitalità conviviale e per i deliziosi pranzi offerti durante gli eleganti banchetti.

Oggi si possono assaggiare i tipici piatti locali nei molti ristoranti e trattorie che affollano il centro storico. Protagonisti della cucina veronese sono la “peperita”, manzo bollito con la “pearà” (salsa pepata al formaggio), il risotto con carne di maiale, gli gnocchi al burro, le “paparele”, tagliatelle con piselli o fagioli, i “bigoli” con le sardine, e la “pastisada de caval”, stufato di carne equina.

Ma è senza dubbio il vino il fiore all’occhiello della tavola. Verona è infatti la prima provincia d’Italia per la produzione di vini DOC, come ad esempio il Valpolicella, il Recioto e l’Amarone.

Per i più golosi la cucina veronese offre un’ampia scelta di deliziose specialità: dallo storico “pandoro”, al tradizionale “nadalin”, alle “fritole”, preparate con mele, riso, polenta, zucca e patate.